mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela denuncia l’impatto delle misure coercitive statunitensi davanti all’ONU

Caracas, 6 ott (Prensa Latina) Il governo del Venezuela ha denunciato oggi alla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo l'impatto delle misure coercitive unilaterali attuate dagli Stati Uniti contro la nazione sudamericana.

 

Durante il suo intervento, la vicepresidente Delcy Rodríguez ha ricordato che la nazione sudamericana è stata oggetto di oltre 430 sanzioni contro l’economia, il commercio e il settore finanziario, contro tutti i principi legali dell’immunità sovrana.

 

“Queste misure sono crimini contro l’umanità e minacciano il sistema internazionale di garanzia dei diritti umani”, ha sottolineato la vicepresidente, sottolineando che le perdite del Venezuela derivanti da tali azioni superano i 63 miliardi di dollari, solo nell’industria petrolifera.

 

Ha aggiunto che l’imposizione di azioni unilaterali di soffocamento economico ha portato a una drastica riduzione del 99% del reddito del paese, con un impatto innegabile in tutti i settori, su cibo, salute, trasporti, comunicazioni e tecnologia.

 

Ha affermato che a causa della politica ostile degli Stati Uniti, il Fondo Monetario Internazionale ha negato alla nazione sudamericana i corrispondenti cinque miliardi di dollari per far fronte alla pandemia della COVID-19.

 

La vicepresidente del Venezuela ha formalizzato la richiesta alla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo di raggruppare, quantificare e analizzare gli impatti macroeconomici delle misure coercitive unilaterali.

 

“Nonostante questa aggressione, oggi il nostro paese (…) avanza nel recupero del suo equilibrio economico, in una progressiva apertura al commercio estero colpito anche da queste sanzioni illegali e nel settore degli investimenti. 

 

Allo stesso modo, Rodríguez ha invitato a considerare l’insostenibile onere del debito estero per molti paesi, il crescente divario digitale, la diminuzione dei flussi commerciali e l’impatto disumano delle misure coercitive unilaterali che colpiscono più di 30 nazioni nel mondo.

 

Ig/wup

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE