lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Complotto commerciale si aggiunge alle minacce contro il governo del Perù

Lima, 20 ott (Prensa Latina) La rivelazione di un complotto commerciale contro il governo si è aggiunta oggi a una controversa legge approvata dall'opposizione parlamentare, denunciata come un passo fondamentale per destituire il presidente del Perù, Pedro Castillo.

Il complotto è stato scoperto dal portale giornalistico El Foco, che ha pubblicato i dialoghi su Internet del gruppo di uomini d’affari che coordinano le azioni di una strategia per destabilizzare l’esecutivo fino alla sua caduta. La congiura è stata resa pubblica quasi nello stesso momento in cui la maggioranza di opposizione del Congresso della Repubblica ha ratificato una legge che riduce al minimo la possibilità costituzionale del presidente di sciogliere il corpo legislativo, come azione difensiva contro il suo ostruzionismo.

I cospiratori, aggiunge il rapporto, hanno concordato, per “togliere il comunismo dal governo”, di finanziare uno sciopero dei sindacati dei trasporti, che secondo loro inizierà l’8 novembre e paralizzerebbe il paese.

Tra i partecipanti alla cospirazione, El Foco ha individuato il presidente della Società Nazionale delle Industrie (SNI), Ricardo Márquez; José Luis Silva, ex ministro del governo neoliberista di Alan García (2006-11); Magali Simon e Bruno Alecchi, capo della Commissione Trasporti SIN.

Márquez ha avuto diversi contatti con il presidente e ha viaggiato il mese scorso in missione d’affari in contemporanea alla visita del presidente Castillo negli Stati Uniti e poi ha commentato che il presidente ha lanciato un messaggio attraente per attirare investimenti stranieri.

Ig/mrs

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE