martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Rivelata la manipolazione a favore della canzone anti-patriottica contro Cuba

L’Avana, 20 ott (Prensa Latina) Le recenti rivelazioni di corruzione imputate ai membri del comitato di selezione dei Latin Grammy Awards rivelano oggi le manipolazioni per favorire il tema del contenuto anti-patriottico, “Patria y vida”.

Secondo un’indagine internazionale, Gabriel Abaroa, ex presidente emerito e direttore esecutivo del gruppo che assegna i premi musicali, “sarebbe stato corrotto con un milione di dollari per riconoscere l’opera come Canzone dell’anno”.

Secondo un articolo pubblicato sul quotidiano Granma, “la consegna monetaria ad Abaroa sarebbe stata convogliata attraverso diversi offshore situati nelle Isole Vergini (britanniche) e, con questo, avrebbero cercato di legittimare il contenuto di ‘Patria y Vida’, il cui contenuto sconvolge essenze, inganna in modo malsano, manipola le coscienze e tenta la frammentazione di Cuba”.

Altre testate e analisti, come il portale messicano Bendito coraje, riferiscono che “l’inchiesta giornalistica conosciuta come Pandora Papers ha scoperto pagamenti di Atlas Network, che è la società che finanzia e promuove sui social network la canzone ‘Patria y Vida’”.

La cerimonia prevista per il 18 novembre solleverà la questione nell’ambito della politicizzazione totale di un evento artistico subordinato agli interessi dell’estrema destra di Miami e del governo degli Stati Uniti, che incitano “proteste e spargimento di sangue tra i cubani”, ha avvertito il testo giornalistico.

Il rapper Yotuel Romero, il cantante e compositore Descemer Bueno e il gruppo Gente de Zona si sono uniti a Maykel Osorbo per lanciare il pezzo, che funge da strumento per la guerra di quarta generazione in corso, gestito e finanziato dalla sfera culturale che travisa la verità della Rivoluzione Cubana.

Ig/chm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE