martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Siria applica la pena massima a coloro che sono coinvolti in sabotaggi

Damasco, 22 ott (Prensa Latina) Le autorità giudiziarie siriane hanno applicato la pena massima a 24 persone coinvolte in atti di sabotaggio appiccando decine di incendi nelle province di Latakia, Tartous, Hama e Homs, nell'ovest del paese.

Secondo le disposizioni del codice penale e della legge antiterrorismo emanate nel 2012, i criminali sono stati giustiziati per atti di terrorismo e sabotaggio che hanno causato la morte di civili e danni a proprietà pubbliche e private, ha riferito il ministero della Giustizia.
La sentenza prevedeva anche l’ergastolo con lavori forzati per 11 delinquenti per i reati di sabotaggio di strutture, terreni agricoli e foreste mediante incendio.

Inoltre, quattro persone sono state condannate all’ergastolo con i lavori forzati per aver preso parte a questi atti terroristici.

La sentenza prevedeva anche la reclusione da 10 a 12 anni per cinque minorenni per lo stesso reato.

Alla fine del 2020, il ministero dell’Interno siriano ha annunciato la cattura delle persone coinvolte nel provocare 187 incendi che hanno interessato 280 località.

Secondo i dati ufficiali, sono stati bruciati oltre 13.000 ettari di colture agricole, tra cui decine di migliaia di ulivi, agrumi e meli, mentre 11.000 ettari di terreno boschivo sono stati devastati e oltre 370 abitazioni sono state danneggiate.

Ig/fm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE