venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Criticato il discorso del presidente colombiano al vertice sul clima

Bogotá, 3 nov (Prensa Latina) Politici dell'opposizione, ambientalisti e funzionari pubblici hanno criticato oggi il discorso e gli impegni presi dal presidente della Colombia, Iván Duque, alla Conferenza delle Nazioni Unite sul Cambio Climatico (COP26), a Glasgow, in Scozia.

I critici del presidente ricordano che Colombia è il paese in cui avvengono più assassinati di difensori ambientali nel mondo e la maggior parte dei casi non sono nemmeno indagati, quindi prevale l’impunità in questo tipo di avvenimenti.

Secondo un rapporto dell’organizzazione per i diritti ambientali Global Witness, 227 difensori della terra sono stati assassinati in tutto il mondo nel 2020, alcuni nelle loro case, e Colombia con 65 è stato il paese con il maggior numero di omicidi di questo tipo per il secondo anno consecutivo. Il senatore del Polo Democratico Alternativo, Iván Cepeda, ha espresso attraverso il suo account Twitter che il discorso di Duque prima della COP26 è semplicemente retorico.

Lo rivela – ha detto – il fatto di non aver rilasciato “né un solo riferimento, né un’unica analisi, né un unico impegno nei confronti della comunità internazionale sugli omicidi sistematici di leader ambientalisti nel paese”.

Inoltre, coloro che screditano il suo discorso per essere stato disconnesso dalla realtà, mettono in dubbio il ritardo del congresso nella ratifica dell’Accordo Escazú.

In questo senso, l’attivista difensore dei diritti umani e dell’ambiente, Adolfo Rivas, ha ricordato che il presidente del congresso che ha presentato un discorso negativo alla ratifica di quell’accordo regionale, si è recato alla COP26 nella delegazione colombiana per parlare di tutela ambientale e giustizia climatica.

Allo stesso modo, il senatore di Alianza Verde, Antonio Sanguino, ha descritto come totale impudenza che i rappresentanti del governo vadano a Glasgow per spacciarsi per ambientalisti mentre in Colombia evitano la ratifica dell’Accordo Escazú e promuovono il fracking, la fumigazione con glifosfato e le mega miniere.

Ig/otf

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE