domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il ministro delle Relazioni Internazionali di Cuba respinge l’interferenza degli Stati Uniti con il loro tentativo sovversivo

L'Avana, 10 nov (Prensa Latina) Il ministro cubano delle Relazioni Internazionali, Bruno Rodríguez, ha respinto oggi l'ingerenza del governo statunitense negli affari interni del paese, nonché il suo sostegno ai tentativi di destabilizzazione sociale nei momenti di festa nazionale.

Davanti al corpo diplomatico accreditato nel paese caraibico, il ministro delle Relazioni Internazionali ha assicurato che la nazione non permetterà la persistente aggressione di Washington.

Inoltre, ha denunciato gli intensi e costanti tentativi, intensificatisi negli ultimi mesi a favore della destabilizzazione interna, di danneggiare la pace sociale al fine di intaccare le celebrazioni nella nazione caraibica.

Nell’apparizione, Rodríguez ha sottolineato che l’aggressione dall’estero, con l’uso di agenti interni reclutati, finanziati e organizzati dal governo degli Stati Uniti, cerca di danneggiare la riapertura economica e sociale del paese.

“Con la stretta aderenza alla nostra Costituzione e il consenso che ci caratterizza, il popolo difenderà l’ordine pubblico”, ha sottolineato.

Ha anche aggiunto che l’asse fondamentale di questo assedio, con l’intervento di alti funzionari della Casa Bianca, di altre agenzie statunitensi e di figure governative, cerca di dimostrare che Cuba è uno stato fallito.

Questo approccio viene utilizzato per intensificare il bloqueo economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro l’isola, ha sottolineato.

Il ministro delle Relazioni Internazionali ha affermato che, nonostante questi tentativi, Cuba festeggia la riapertura dell’economia e del turismo, l’isola ricomincia l’anno scolastico in forma presenziale e rende omaggio ai suoi scienziati e operatori sanitari.

Ig/idm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE