sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La Ministra dell’Istruzione di Cuba realizza un’ampia agenda all’UNESCO

Parigi, 10 nov (Prensa Latina) La Ministra dell'Educazione di Cuba, Ena Elsa Velázquez, ha proseguito oggi il suo ampio programma in occasione della 41° Conferenza Generale dell'UNESCO, in cui ha ratificato la difesa dell'educazione come diritto umano fondamentale.

Nella seconda giornata del forum, in programma fino al 24 novembre, la funzionaria ha partecipato a un incontro ad alto livello organizzato dall’ente multilaterale e dalla Francia sulla necessità di aumentare gli investimenti nell’istruzione dopo l’impatto della COVID-19 e sul lancio del report “Ripensare il nostro futuro insieme: un nuovo contratto sociale per l’istruzione”.

Velázquez è stata una dei tre ministri, insieme ai suoi omologhi del Bangladesh e della Slovenia, scelti per intervenire nella presentazione del rapporto, in cui hanno presentato criteri anche il Direttore Generale dell’Unesco, Audrey Azoulay, e il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, e il presidente etiope, Sahle-Work Zewde, gli ultimi due tramite un video messaggio.

La ministra cubana ha riconosciuto l’importanza del report e ha evidenziato la necessità di raccogliere le sfide del settore dalla cooperazione internazionale, dal dibattito, dalla riflessione collettiva e dalla volontà politica dei governi.

“Quello che faremo oggi sarà decisivo per garantire il domani. Il futuro dell’educazione dipenderà dalla soluzione che nel presente diamo a problemi già accumulati come l’analfabetismo, la povertà, la disuguaglianza e la discriminazione, conseguenze dell’ingiusto ordine internazionale”, ha avvertito.

Ieri Velázquez è stata ricevuta dalla Direttrice Generale Azoulay e dalla Vice Direttrice per l’Istruzione, Stefania Giannini, alle quali ha sottolineato l’impegno dell’isola nei confronti dell’organizzazione specializzata delle Nazioni Unite e la volontà di rafforzare i legami.

In dichiarazioni a Prensa Latina, la ministra cubana ha commentato che alla 41° Conferenza Generale il paese caraibico è arrivato con messaggi che vanno dall’appello a dare priorità all’educazione inclusiva come garanzia di un futuro migliore per l’umanità alla ratifica della sua volontà di mettere a disposizione delle nazioni bisognose le sue modeste esperienze e realizzazioni.

Ig/wmr

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE