giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Più di mille terroristi armati si arrendono all’esercito siriano

Damasco, 16 nov (Prensa Latina) Almeno 1.300 disertori e fuggiaschi sono stati graziati dopo essersi arresi negli ultimi tre giorni all'esercito siriano nella provincia orientale di Deir ez-Zor, situata 450 chilometri a nord-est della capitale.

 

Il processo di riconciliazione e pacificazione avviato domenica scorsa prevede la concessione dell’amnistia a tutti i soldati latitanti e agli uomini armati illegali che consegnano le armi alle autorità.

 

Secondo l’agenzia nazionale SANA, tra i graziati c’è Khalaf al-Asaad, uno dei notabili della tribù Bakara e capo del Consiglio Legislativo dell’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord e dell’Est, appartenente alle cosiddette Forze Democratiche della Siria (FDS), supportate dagli Stati Uniti.

 

Secondo al-Assad, la riconciliazione è un’opportunità per l’autorità dello stato di recuperare molte località della provincia.

 

Un processo simile è stato recentemente applicato nella provincia di Deraa, nel sud del paese, dove sono stati graziati quasi ottomila cittadini, tra armati, ricercati e disertori che hanno consegnato volontariamente le armi.

 

L’esercito siriano attua politiche basate sulla riconciliazione per ripristinare la normalità e restituire il potere alle istituzioni statali senza ricorrere a operazioni militari che potrebbero causare perdite materiali e delle vite umane.

 

Ig/fm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE