giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il presidente del Venezuela ha riaffermato la fedeltà all’eredità di Hugo Chávez

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha riaffermato la sua fedeltà e il suo impegno per l'eredità rivoluzionaria di Hugo Chávez (1954-2013), nel celebrare un altro anniversario del suo ultimo discorso.

“Giornata della lealtà e dell’amore a Chávez! Ricordo il messaggio del nostro eterno leader che ha segnato la mia vita e l’anima del popolo venezuelano. Sono passati nove anni e noi rimaniamo fedeli, adempiendo alla missione affidata, con la sua eredità intatta. Lunga vita a Chávez!”, ha affermato il capo dello stato sul social network Twitter.

In quel proclama, l’ultimo prima di ammalarsi gravemente e morire, il leader della Rivoluzione Bolivariana ha sottolineato il valore del senso di appartenenza alla patria, ha esortato a garantire in ogni circostanza l’andamento del processo ed ha esortato il popolo ad eleggere Maduro nel caso lui morisse.

“La mia ferma opinione, piena come la luna piena, irrevocabile, assoluta, totale, è che voi eleggiate Nicolás Maduro (…) Oggi abbiamo popolo, che nessuno si sbagli. Oggi abbiamo la patria più viva che mai, che brucia nella fiamma sacra, nel fuoco sacro. Fino alla vittoria Sempre! Indipendenza e Patria socialista! “, ha espresso in quel momento.

Ha messo in guardia sugli opportunisti che potrebbero approfittare di situazioni difficili nel paese per cercare di ripristinare il capitalismo e ha chiesto l’unità del popolo.

“No, non potranno. Di fronte a questa circostanza di nuove difficoltà, di qualsiasi dimensione, la risposta di tutti e tutti i patrioti, i rivoluzionari, quelli di noi che sentono il paese anche nelle viscere, come direbbe Augusto Mijares, è unità, lotta, battaglia e vittoria”, sottolineò allora Chávez.

Quella concentrazione ha segnato una pietra miliare per questa nazione e le forze rivoluzionarie, non solo per il significato di quel discorso in cui il Presidente ha tracciato il corso del paese, ma perché è stato uno degli atti più di massa degli ultimi decenni e sotto un acquazzone torrenziale il leader bolivariano, già malato, ha continuato il suo discorso ed il popolo è rimasto accanto a lui.

Il 4 novembre 2013, è stato decretato l’8 dicembre come il Giorno della Lealtà e dell’Amore per il comandante Hugo Chávez, per ratificare e ricordare questa data.

Yadira Cruz Varela, giornalista di Prensa Latina

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE