mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Legislatori statunitensi chiedono un cambiamento nella politica nei confronti di Cuba

Washington, 8 dic (Prensa Latina) I senatori democratici statunitensi Patrick Leahy e Ron Wyden, nonché il rappresentante Jim McGovern, hanno chiesto che la Casa Bianca cambi la sua politica ostile nei confronti di Cuba.

Come qualcuno che ha osservato l’evoluzione delle relazioni tra gli Stati Uniti e Cuba per quasi 50 anni, attualmente trovo la situazione tra i nostri due paesi sconcertante, tragica e decisamente esasperante, ha detto Leahy.

Il parlamentare 81enne ha riconosciuto che sei decenni di sanzioni, isolamento e minacce non hanno raggiunto nessun obiettivo strategico per Washington e ha assicurato che la politica dell’amministrazione del presidente Joe Biden è stata dettata da un piccolo elettorato ed è contraria alle buone relazioni bilaterali.

In un discorso al Senato, il politico ha chiesto che fine avesse fatto la revisione promessa sulla presenza della nazione caraibica nell’elenco degli sponsor del terrorismo, da dove era stata tolta durante l’amministrazione Barack Obama (2009-2017), ma l’ex presidente Donald Trump (2017-2021) l’ha inclusa di nuovo negli ultimi giorni della sua presidenza.

Allo stesso modo, il senatore ha fatto riferimento all’ostacolo dell’invio delle rimesse familiari sull’isola, nonché alla fine degli scambi culturali, educativi e scientifici, quest’ultimo chiaramente opportuno nel bel mezzo della pandemia della COVID-19.

La politica statunitense nei confronti di Cuba è piena di contraddizioni, ipocrisia, arroganza e opportunità mancate, ha assicurato Leahy e ha suggerito a Biden che, invece di aggrapparsi a una strategia fallita con conseguenze negative per il popolo cubano, pensi all’interesse nazionale.

Dopo la sua dichiarazione, altri membri del Congresso hanno espresso il loro appoggio di tale posizione sui social network.

Ig/avr

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE