sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Lucía Hiriart, vedova di Pinochet, muore impunemente

Santiago del Cile, 17 dic (Prensa Latina) Lucía Hiriart, vedova del dittatore cileno Augusto Pinochet, è morta oggi all'età di 99 anni senza essere stata processata per corruzione e complicità in crimini contro l'umanità, denunciano i difensori dei diritti umani.

 

Nota per la sua personalità forte e dominante, Hiriart esercitò un’influenza sul marito per eseguire il golpe di stato dell’11 settembre 1973, come riconosciuto dal generale stesso; così come nell’elezione dei suoi ministri.

 

La moglie di Pinochet ha diretto il Centro delle Madri del Cile, al quale il dittatore ha trasferito più di 230 proprietà che hanno generato ricavi milionari, per cui è stata indagata per appropriazione indebita e truffa.

 

“Era lei il motore, l’asse di Augusto Pinochet, per applicare le politiche repressive”, ha detto Alicia Lira, leader del Gruppo dei Parenti dei Politici giustiziati.

 

Lira si rammarica che Hiriart non sia mai stata perseguita per la sua responsabilità nei reati di corruzione e per la sua partecipazione come complice ai delitti commessi durante la dittatura (1973-1990).

 

“Con la morte di Lucía Hiriart, ciò che resta del pinochetismo sta finendo. Mai più l’estrema destra. Mai più il fascismo”, ha scritto sul suo account Twitter il deputato di Azione Umanista, Tomás Hirsch. “Se ne va impunemente come suo marito. Oggi più che mai Cile ha bisogno di avanzare nella giustizia e nella risarcimento”, ha affermato la Gioventù Comunista del Cile, i cui membri sono stati perseguitati e assassinati in quel periodo.

 

Ig/car

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE