sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Affermano a Cuba che il socialismo difende la cultura

L'Avana, 21 dic (Prensa Latina) Il socialismo è un difensore della cultura, come ha dimostrato Cuba durante la pandemia della COVID-19, ha affermato oggi il deputato Abel Prieto, presidente della Casa de las Américas.

Durante un dibattito nell’ottava sessione ordinaria del Parlamento, l’eminente intellettuale ha fatto allusione alle intense campagne di sovversione contro la nazione caraibica che quest’anno hanno preso di mira artisti e intellettuali, soprattutto giovani.

L’intenzione era di disporli contro le istituzioni culturali, ha detto Prieto, aggiungendo che hanno lavorato duramente per promuovere l’idea che il capitalismo è il “regno d’oro dell’attività creativa nel campo dell’arte e della letteratura” e che il socialismo è il nemico della libertà.

“Va detto che è proprio tutto il contrario e quest’anno lo ha dimostrato Cuba al mondo”, ha detto, e ha esemplificato che mentre il sistema capitalista riduceva l’arte a una merce volgare e lasciava nella povertà autentici esponenti di diverse manifestazioni, il socialismo ha agito diversamente.

In particolare, ha fatto riferimento al caso di Cuba, bloccata economicamente dagli Stati Uniti, assediata e calunniata, che ne ha difeso la cultura e l’identità e si è fatta portabandiera dei valori coltivati da tutta la cultura umanitaristica di ogni parte del mondo.

Ha ricordato che durante la pandemia il bilancio statale ha protetto economicamente artisti e creatori, mentre il Ministero della Cultura e organizzazioni professionali come l’Unione degli Scrittori e degli Artisti di Cuba e l’Associazione Hermanos Saíz hanno fatto tutto il possibile affinché non ci fosse un blackout culturale.

Ig/kmg

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE