sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Rafforzata la protezione del ministro israeliano minacciato dopo aver criticato i coloni

Tel Aviv, 27 dic (Prensa Latina) Il ministro della Pubblica Sicurezza israeliano, Omer Barlev, ha rivelato oggi di aver ricevuto protezione ininterrotta in seguito a minacce di morte da parte di settori e coloni di estrema destra dopo aver criticato le violenze di questi ultimi contro i palestinesi.

 

Senza fare nomi, ma riferendosi chiaramente a Yamina, la formazione del primo ministro Naftali Bennett, Barlev ha affermato che alcuni partner della coalizione di governo lo hanno reso “il nemico” dei coloni.

“Si sono schierati contro di me e mi hanno reso nemico di tutti i coloni”, ha sottolineato il funzionario durante una riunione della fazione del Partito Laburista alla Knesset (parlamento).

Ha incolpato della campagna tre ministri, che la stampa nazionale ha identificato come il capo degli Interni, Ayelet Shaked; degli Affari religiosi, Matan Kahana, entrambi di Yamina e delle Comunicazioni, Yoaz Handel, del gruppo Nueva Esperanza, staccato dal Likud di estrema destra.

“Da questa mattina sono sotto sorveglianza 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana (…) i criminali arabi non mi minacciano, gli ebrei israeliani mi minacciano”, ha scritto su Twitter.

Barlev ha condannato la violenza dei coloni nelle aree occupate la scorsa settimana durante un incontro con la sottosegretario di Stato per gli affari politici degli Stati Uniti, Victoria Nuland.

In risposta, i settori della destra al potere e dell’opposizione, guidati dal Likud, si sono scagliati contro il funzionario.

Ig/rob

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE