martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Gli attacchi israeliani in Siria vengono effettuati sotto l’egida degli Stati Uniti

Damasco, 20 gen (Prensa Latina) Le frequenti aggressioni di Israele contro Siria non avrebbero raggiunto un tale livello senza l'egida e la protezione delle successive amministrazioni statunitensi, ha affermato oggi il delegato siriano alle Nazioni Unite, Bassam Sabbagh.

Il diplomatico ha denunciato davanti al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che l’isterica continuazione di questi attacchi rappresenta una flagrante violazione dell’Accordo sulla Separazione delle Forze del 1974 e delle risoluzioni delle Nazioni Unite relative al Golan siriano occupato.

Questi atti costituiscono una chiara prova del sostegno di Tel Aviv al terrorismo in Siria e in altri paesi e di una pericolosa escalation che minaccia la pace e la sicurezza nella regione, ha affermato il delegato.

Ha esortato il Consiglio di Sicurezza a uscire dal suo silenzio e ad assumersi le proprie responsabilità ai sensi della Carta delle Nazioni Unite e di dissuadere l’occupante israeliano dal continuare le sue violazioni.

Allo stesso modo, sanciva il diritto di Damasco di recuperare il Golan occupato da Israele con tutti i mezzi garantiti dal diritto internazionale.

Sabbagh ha criticato l’inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente, Tor Wencesland, per non aver incluso nei suoi rapporti nessuna informazione sugli insediamenti israeliani nel Golan e sui ripetuti attacchi al territorio siriano.

Ig/fm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE