venerdì 19 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La produzione di medicinali a Cuba si spera migliorerà dal prossimo giugno

La produzione di medicinali a Cuba dovrebbe iniziare a migliorare a partire dal prossimo giugno, secondo il periodico Granma, che cita una fonte dell'industria biofarmaceutica.

Con la maggior obiettività possibile, pensiamo che da quel mese potremmo cominciare ad avere miglioramenti nell’offerta globale di medicinali ed altri prodotti, soprattutto quelli di maggiore priorità, ha detto il presidente di BioCubaFarma, Eduardo Martinez.

Sulla base delle analisi effettuate, il medico ha precisato che non potrà essere prima, “perché per questo avremmo già dovuto avere le materie prime, o che stessero già navigando verso il paese, e purtroppo non è quello che sta succedendo”, ha osservato.

“Nei primi mesi di quest’anno lo scenario continuerà ad essere difficile, dobbiamo dirlo con chiarezza e non creare false aspettative”, ha sottolineato il presidente del gruppo imprenditoriale delle Industrie Biotecnologiche e Farmaceutiche di Cuba (BioCubaFarma).

“Tuttavia”, ha assicurato, “abbiamo un piano d’azione, cerchiamo alternative, continuiamo con tutti i tipi di sforzi per superare problemi oggettivi e vogliamo trasformare questa realtà con iniziative e innovazione”, ha sottolineato.

Affrontando l’impatto del bloqueo statunitense sull’industria biofarmaceutica cubana, ha spiegato che sono stati fatti molti progetti per aggirare le misure applicate e “grazie a questo la situazione non è ancora più complessa”, ha affermato.

Tuttavia, ha aggiunto il dottor Martínez, dobbiamo continuare a impegnarci al massimo in tutti i tipi di azioni per sconfiggere questo problema.

Ha spiegato la questione che negli ultimi tre mesi dello scorso anno “siamo stati in grado di esportare vaccini anti-COVID-19 e altri prodotti in diversi stati; tuttavia, a causa della persecuzione finanziaria, compreso il rifiuto di diverse banche, si sono accumulate cifre milionarie che non sono ancora state riscosse”.

Nel 2021 -descrive il presidente dell’istituzione- si è aggravata la complessa situazione delle carenze di medicine sull’isola, sia quelle prodotte dal suo ente che quelle importate dal Ministero della Salute Pubblica, una difficoltà che persiste ancora oggi.

Ha spiegato che l’anno scorso, la mancanza di medicinali prodotti dal gruppo aveva una media mensile di 121, delle 359 che dovevano garantire il quadro di base.

BioCubaFarma fornisce al sistema sanitario più di 900 farmaci, inclusi medicinali, vaccini, materiale per uso stomatologico, sistemi diagnostici, apparecchiature e dispositivi medici, tra gli altri.

Zeus Naya, giornalista di Prensa Latina

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE