lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba rifiuta la disinformazione e la censura nel conflitto Ucraina-Russia

L'Avana, 7 mar (Prensa Latina) L'Unione dei Giornalisti Cubani (UPEC) ha respinto oggi quella che considera una guerra di disinformazione e censura sul conflitto tra Russia e Ucraina e che incoraggia la russo-fobia.

Una dichiarazione della presidenza dell’UPEC critica le azioni per disconnettere Russia, vietare i suoi organi di stampa e condannare i giornalisti.

Queste misure, mai utilizzate di fronte alle molteplici invasioni degli Stati Uniti in numerosi paesi, sono anche un attacco alla cultura, amplificato fino all’inquisizione medievale con la letteratura russa e altre manifestazioni artistiche, una sorta di neo-barbarie inconcepibile nella presunta Europa colta, dice il comunicato.

Grazie alla censura contro Russia Today (RT), Sputnik e altri media russi, l’unica narrativa che sembra esistere è quella di Washington, aggiunge il testo.

Sottolinea che gli Stati Uniti, insieme alla NATO, si sono autoproclamati giudici della verità mondiale e le loro piattaforme di comunicazione linciano i profili dei giornalisti che lavorano per testate giornalistiche di origine russa, ma anche dei giornalisti indipendenti e del personale tecnico che ha servizi prestati in subappalto.

Nessuno ha osato fare qualcosa di simile con CNN e Fox News quando hanno reso possibile la disinformazione che si è conclusa con il massacro di un milione di persone in Iraq, Afghanistan, Libia e in un caos sanguinoso che ancora persiste, aggiunge il gruppo di giornalisti cubani.

L’UPEC ha riaffermato nella dichiarazione la sua vocazione pacifica e solidale con le vittime del conflitto.

Ig/ool

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE