martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il partito palestinese denuncia l’ipocrisia globale sulle questioni umanitarie

Ramallah, 8 mar (Prensa Latina) Il movimento governativo palestinese Fatah ha affermato oggi che il doppio standard nell'affrontare questioni umanitarie e di giustizia nel mondo è la più grande ipocrisia politica della storia.

Durante un dialogo qui con circa 70 studenti universitari statunitensi, il portavoce del partito, Osama Qawasmi, ha denunciato il silenzio della comunità internazionale di fronte ai crimini di Israele nei territori occupati.

Altrove, invece, si levano voci in nome della giustizia, che è un “vero riflesso della discriminazione”, ha detto Qawasmi, riferendosi al conflitto in Ucraina, che ha innescato una rapida raffica di sanzioni da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati contro Russia.

Durante l’incontro, il portavoce di Fatah ha dettagliato i crimini israeliani contro il popolo palestinese, tra i quali ha citato le esecuzioni extragiudiziali, lo sfollamento di persone, la demolizione di case, la confisca e il furto della terra.

Citato dall’agenzia di stampa Wafa, il politico ha esortato gli studenti statunitensi a chiedere la fine dell’oppressione e dell’occupazione del popolo palestinese quando faranno ritorno nel loro paese.

Pochi giorni fa, il ministro degli Esteri, Riad Malki ha criticato il trattamento riservato da Washington e dai suoi alleati alla questione palestinese rispetto ad altre guerre.

Da parte sua, Hussain Al-Sheikh, membro del Comitato Esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, ha affermato che “quando il colore, la religione e la razza diventano un’identità, i valori, la morale e l’umanità si perdono, e quando si abusa della legittimità internazionale in due modi diversi, la giustizia è perduta».

Ig/rob 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE