giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Leader del gruppo estremista accusato di aver preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti

Washington, 8 mar (Prensa Latina) Il sistema giudiziario statunitense ha citato Enrique Tarrio, leader del gruppo di estrema destra Proud Boys, per un'accusa di cospirazione derivata dall'attacco al Campidoglio il 6 gennaio 2021.

Tarrio, 38 anni, è stato arrestato a Miami per aver cospirato per ostacolare un procedimento ufficiale, un’accusa di reato che i pubblici ministeri federali hanno presentato contro centinaia di imputati nelle rivolte del Campidoglio.

Secondo il Dipartimento di Giustizia, se la sua colpevolezza fosse confermata, il seguace dell’ex presidente Donald Trump potrebbe rischiare una pena massima perfino di 20 anni di reclusione.

L’estremista è stato accusato insieme ad altri cinque membri del movimento suprematista, che sono stati catturati all’inizio dello scorso anno e da allora si sono dichiarati non colpevoli.

Tarrio non era presente il giorno dell’attacco. Il 4 gennaio è stato arrestato e gli è stato ordinato di stare lontano dalla capitale degli Stati Uniti, Washington DC, dopo aver bruciato una bandiera rubata a una chiesa afroamericana nel dicembre del 2020.

Tuttavia, i pubblici ministeri hanno affermato che il giovane aveva contribuito a organizzare e riunire i Proud Boys per recarsi armati nella capitale con l’intenzione di ostacolare la certificazione della vittoria del democratico Joe Biden alle elezioni del novembre del 2020.

Ig/age

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE