domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Bolivia istituisce un tavolo di monitoraggio sui massacri

La Paz, 23 mar (Prensa Latina) Un tavolo di controllo per le raccomandazioni del Gruppo Interdisciplinare di Esperti Indipendenti (GIEI-Bolivia) sui massacri del governo de facto è in sessione da oggi presso la chiesa di Senkata a El Alto, ha confermato una fonte ufficiale.

“Oggi nella chiesa di Senkata sarà istituito un meccanismo di controllo per le raccomandazioni del Gruppo Interdisciplinare del GIEI-Bolivia”, ha assicurato in un’intervista al Canale Bolivia TV la rappresentante delle vittime di quel crimine, Gloria Quisbert.

L’attivista ha riferito che i parenti e i sopravvissuti all’azione repressiva commessa nel novembre del 2019 dopo il rovesciamento dell’ex presidente Evo Morales, si incontreranno in quella parrocchia per presentare le loro testimonianze a una delegazione della Commissione Interamericana per i Diritti Umani (CIDH).

Ha aggiunto che all’incontro parteciperanno persone provenienti da diverse aree del paese, che hanno subito la repressione del governo di fatto.

Quisbert ha spiegato che la visita della CIDH costituisce uno scenario adeguato per chiedere giustizia e che i crimini del regime golpista non restino impuniti.

Il GIEI ha stabilito 36 raccomandazioni nell’indagine svolta nel 2019 per lo Stato Plurinazionale, la società civile e la CIDH.

Tra questi spiccano l’adozione di un piano globale di assistenza e risarcimento per le vittime, la progettazione e l’attuazione di un sistema amministrativo e giudiziario agile, trasparente e pluralistico.

Tuttavia, dopo una visita di lavoro in Bolivia lo scorso febbraio, il relatore speciale delle Nazioni Unite per l’indipendenza dei giudici e degli avvocati, Diego García-Sayán, ha esortato a dare priorità all’applicazione della giustizia rispetto ai crimini commessi dal governo de facto nel 2019 .

Al riguardo, si è rammaricato che “dopo due anni i risultati dei processi investigativi siano scarsi” e ha deplorato che dopo questi eventi che hanno lasciato morti, feriti, torturati, detenuti illegalmente e perseguitati non ci siano condanne.

Ig/jpm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE