giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Criticano il sostegno del primo ministro israeliano agli insediamenti in Palestina

Ramallah, 7 apr (Prensa Latina) Il Centro Palestinese per i Diritti Umani (PCHR) ha condannato oggi il sostegno del primo ministro israeliano Naftali Bennett all'espansione e alla costruzione di nuovi insediamenti ebraici in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Orientale.

Raji Sourani, direttore del PCHR, ha criticato in una dichiarazione il silenzio della comunità internazionale di fronte ai crimini israeliani e alle sue politiche di apartheid contro i civili palestinesi da oltre sette decenni. L’entità ha citato la dichiarazione di Bennett di due giorni fa durante una visita al comando del servizio di sicurezza regionale nella periferia della Cisgiordania, nella città di al-Bireh.

In questo luogo, il capo del governo ha assicurato che “i lavori sono in corso e proseguiranno in Giudea e Samaria (nome biblico usato dagli israeliani per indicare la Cisgiordania). Qui non ci sarà congelamento”.

I commenti di Bennett sono una chiara violazione della Quarta Convenzione di Ginevra e dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale, ha affermato Sourani.

Le sue parole costituiscono un vero e proprio crimine di guerra; tuttavia, passano senza commenti o considerazioni, ha sottolineato.

Sourani ha ricordato che le forze armate israeliane hanno commesso “crimini sistematici per decenni contro il nostro popolo”.

I crimini legati alle attività degli insediamenti sono uno strumento importante dell’occupazione israeliana per garantirne il controllo e il dominio sui palestinesi e sulla loro terra, ha concluso.

Ig/rob

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE