domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba respinge la sospensione della Russia dal Consiglio dei Diritti Umani

Nazioni Unite, 7 apr (Prensa Latina) Cuba ha respinto oggi la sospensione della Russia dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite e ha denunciato la politicizzazione, i doppi standard e la selettività applicati nell'affrontare questi problemi nell'organizzazione multilaterale.

Il rappresentante permanente del paese caraibico presso le Nazioni Unite, Pedro Luis Pedroso, ha spiegato all’Assemblea Generale i motivi per cui ha votato contro la risoluzione approvata questo giovedì che sospende i diritti di Mosca nel Consiglio dei Diritti Umani.

A questo proposito, ha messo in dubbio il meccanismo di sospensione in questo Consiglio, che non ha eguali in nessun altro organismo delle Nazioni Unite.

Come ha sottolineato l’ambasciatore, un tale meccanismo è facilmente utilizzabile in modo selettivo: oggi è Russia, domani può essere chiunque, in particolare le nazioni del sud che non si piegano agli interessi del dominio e difendono la propria indipendenza.

“Non è un caso che i promotori più entusiasti della clausola sospensiva all’adesione, quando si negoziava la costruzione del nuovo Consiglio per i Diritti Umani, fossero nazioni sviluppate con una dimostrata tendenza ad accusare i Paesi del Sud che non si conformano ai loro presunti modelli di democrazia”.

Quelle stesse nazioni sviluppate sono rimaste complici in silenzio di fronte alle violazioni dei diritti umani nei paesi occidentali, ha aggiunto Pedroso.

Washington ha causato la morte di centinaia di migliaia di civili, che chiama “danni collaterali”, anche lo sfollamento di milioni di persone e vaste distruzioni in tutta la geografia del pianeta, ma questa Assemblea non ha mai sospeso nessuno dei suoi diritti, ha sottolineato.

L’Assemblea Generale potrebbe un giorno approvare una risoluzione per sospendere l’appartenenza degli Stati Uniti al Consiglio dei Diritti Umani?, ha chiesto l’ambasciatore cubano.

Questo non è accaduto e sembra che non accadrà nonostante le loro violazioni flagranti e di massa dei diritti umani a seguito di invasioni e guerre predatorie contro paesi sovrani, basate sui loro interessi geopolitici, ha lamentato.

Né la clausola sospensiva sarà applicata allo stato che mantiene contro Cuba, da più di 60 anni, un bloqueo criminale che è la violazione più prolungata, flagrante, di massa e sistematica dei diritti umani di un popolo e un vero atto di genocidio contro un’intera nazione, ha sottolineato Pedroso.

Il paese che si è opposto all’istituzione del Consiglio per i Diritti Umani e ha chiesto il voto contro la risoluzione che lo ha creato, ha attivato ora a suo piacimento, come ha fatto nel 2011 contro Libia, una delle clausole più controverse di questo forum, ha affermato in riferimento agli Stati Uniti.

Cuba si è opposta a questa clausola di sospensione dell’adesione perché potrebbe essere utilizzata da coloro che privilegiano la selettività nei loro approcci e politicizzano tali questioni, ha insistito l’ambasciatore.

In tal senso, ha criticato che un numero molto inferiore al numero delle nazioni che hanno votato per l’inclusione di uno stato in quel Consiglio, possano poi decidere di espellerlo.

Russia è stata eletta nel Consiglio per i Diritti Umani nel 2020 con 158 voti e ora la risoluzione che ne sospende i diritti ha ricevuto il sostegno di solo 93 paesi membri.

Ig/ifb

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE