martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Palestina denuncia il silenzio internazionale sui crimini israeliani

Ramallah, 14 apr (Prensa Latina) Il ministro palestinese degli Affari civili, Hussein Al Sheikh, ha denunciato oggi il silenzio della comunità internazionale di fronte all'ondata di crimini israeliani nei territori occupati.

 

 

L’esercito di Tel Aviv versa quotidianamente sangue palestinese sotto gli occhi di tutti, ha scritto il funzionario su Twitter nel mezzo di una nuova offensiva militare in Cisgiordania, che ha causato almeno nove morti e dozzine di feriti ed arresti.

 

Al Sheikh ha chiesto un minimo di protezione internazionale per il suo popolo di fronte ai sistematici attacchi israeliani.

 

In tal senso, ha condannato i doppi standard nell’attuazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e del Diritto Internazionale.

 

Le autorità israeliane hanno presentato l’operazione militare in Cisgiordania come risposta all’attacco compiuto la scorsa settimana a Tel Aviv di un palestinese di Jenin, che ha ucciso tre civili.

 

Il primo ministro Naftali Bennett ha dichiarato giorni fa che “non ci sono e non ci saranno limiti a questa guerra”, dopo aver annunciato “piena libertà d’azione per l’esercito, lo Shin Bet (agenzia di intelligence nazionale) e tutte le forze di sicurezza per sconfiggere il terrorismo”.

 

Di fronte a questa situazione, diverse milizie palestinesi come la Jihad Islamica e il Movimento di Resistenza Islamica (Hamas) hanno promesso di rispondere con la forza allo stato vicino.

 

Il ministero della Salute palestinese ha recentemente denunciato che le truppe israeliane hanno ucciso 355 palestinesi nel 2021 e ne hanno feriti 16.500.

 

Ig/rob

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE