venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba condanna la manipolazione politica del Vertice delle Americhe

L'Avana, 28 apr (Prensa Latina) Il primo segretario del Partito Comunista di Cuba (PCC), Miguel Díaz-Canel, ha respinto la manipolazione politica degli Stati Uniti che cerca di escludere l'isola dal IX Vertice delle Americhe.

 

A conclusione del IV Plenum del Comitato Centrale del PCC, il presidente della Repubblica ha anche ringraziato i paesi che hanno mantenuto una posizione coraggiosa e solidale con la nazione caraibica.

 

“Gli Stati Uniti non capiscono che la regione latinoamericana e caraibica è cambiata per sempre e che non c’è spazio per ripristinare la Dottrina Monroe e la visione panamericana, con la quale intendono imporre il proprio dominio egemonico nell’emisfero occidentale”, ha sottolineato.

 

Secondo Díaz-Canel, non esiste un unico motivo che giustifichi l’esclusione de L’Avana o di qualsiasi altra rappresentazione delle Americhe da questo incontro.

 

“Nessuno può negare che svolgere un altro incontro di questo forum senza la presenza di Cuba significherebbe una battuta d’arresto storica nelle relazioni emisferiche”, ha affermato.

 

Il presidente ha denunciato l’esclusione dell’isola dalla partecipazione alla creazione del “Piano d’azione per la salute e la resilienza nelle Americhe fino al 2030”, documento che si sta preparando prima dell’incontro del prossimo giugno nella città statunitense di Los Angeles.

 

Si tratta di un vero affronto, sapendo che i risultati del paese caraibico in termini di Salute sono indiscutibili, ha sottolineato.

 

Secondo l’alto leader del PCC “in tempi di pandemia, è un oltraggio ancora più grande rinunciare al contributo di Cuba, ai suoi notevoli progressi scientifici e alla cooperazione solidale nell’affrontare la COVID-19”.

 

Il ministero delle Relazioni Internazionali cubano ha recentemente espresso in un comunicato che l’intenzione di escludere la nazione caraibica sarebbe dovuta a una manovra politicamente motivata, nell’ambito del doppio standard legato alla situazione interna ed elettorale negli Stati Uniti.

 

Ig/idm

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE