mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Al congresso sindacale spicca l’assistenza medica di Cuba in Italia

Roma, 6 mag (Prensa Latina) L'assistenza medica fornita da Cuba all'Italia per affrontare la COVID-19 è stata qui evidenziata oggi in apertura del diciottesimo congresso della Federazione Sindacale Mondiale (FSM).

“Continuiamo insieme. Per la soddisfazione dei nostri bisogni contemporanei. Contro la barbarie imperialista-capitalista” sono le tre idee principali racchiuse nello slogan centrale dell’incontro, inaugurato da Paolo Leonardi, a nome dell’Unione Sindacale di Base (USB), unico gruppo italiano nel suo genere affiliato alla FSM.

Nel suo intervento, Leonardi ha evidenziato i limiti imposti all’incontro dalla pandemia, contesto in cui ha riconosciuto l’aiuto di Cuba all’Italia in quello che ha considerato un esempio di come “un piccolo paese sottoposto a un famigerato bloqueo” sia corso in aiuto di uno degli otto più industrializzati al mondo.

Mai come in questa occasione era evidente che il capitalismo è portatore di morte e il socialismo di vita, ha affermato, specificando che in segno di gratitudine a Cuba per l’assistenza fornita all’Italia contro la COVID-19, l’USB ha sostenuto la campagna a favore della Premio Nobel per la Pace al contingente Henry Reeve.

La solidarietà con la nazione caraibica era un denominatore comune di altri interventi durante la giornata di apertura della tre giorni congressuale, alla quale partecipa una delegazione cubana presieduta dal segretario generale della Centrale dei Lavoratori di Cuba, Ulises Guilarte.

Il membro dell’esecutivo nazionale USB ha invece ricordato che si tratta del secondo congresso sindacale mondiale svoltosi in Italia dopo quello tenutosi nel 1949 a Milano, dove l’allora dirigente della Confederazione Generale Italiana del Lavoro, Giuseppe Di Vittorio, è stato eletto presidente della FSM.

Inoltre, riferendosi alla crisi in Ucraina, Leonardi ha sottolineato la posizione dell’USB contro tutte le guerre ed a favore dello scioglimento della NATO.

La guerra e le sanzioni, oltre alle migliaia di morti e distruzioni sul campo di battaglia, stanno causando problemi seri alle popolazioni di tutto il mondo, che stanno soffrendo le conseguenze del blocco delle fonti energetiche e dello spostamento di risorse dal settore sociale a quello delle spese militari, ha concluso.

Ig/fgg


 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE