lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il ministro israeliano respinge l’imminente marcia dei coloni nell’area palestinese

Tel Aviv, 19 mag (Prensa Latina) Il ministro israeliano per la cooperazione regionale, Issawi Freij, ha annunciato oggi che cercherà di impedire un'imminente manifestazione di destra e dei coloni di attraversare il quartiere musulmano nella zona occupata di Gerusalemme Orientale.

 

Parlando ad una stazione radio nazionale, il funzionario ha considerato una provocazione che la cosiddetta Marcia delle Bandiere attraversi le aree palestinesi.

 

Chiederò al primo ministro, Naftali Bennett, di vietare ai partecipanti di circolare nella zona, ha avanzato Freij, che appartiene a Meretz, formazione che promuove il dialogo e la pacifica convivenza tra ebrei e arabi.

 

Da parte sua, il quotidiano israeliano Haaretz ha criticato l’autorizzazione concessa dal capo della Sicurezza interna, Omer Barlev, che ha accusato di aver ceduto alle pressioni della destra.

 

Ci saranno scontri perché i coloni attaccano e derubano sistematicamente i palestinesi e le loro proprietà in quella zona, il che “potrebbe portare allo scoppio di violenti scontri”, ha avvertito.

 

In precedenza, due legislatori arabo-israeliani hanno condannato lo svolgimento della marcia.

 

La Marcia delle Bandiere nel cuore di Gerusalemme Orientale è solo una scusa per l’estrema destra per incendiare l’area e causare disturbi nelle strade, ha scritto Ayman Odeh, capo della Joint List, un’alleanza di partiti arabi di sinistra su Twitter.

 

La Marcia delle Bandiere è una celebrazione nazionalista, la marcia di migliaia di attivisti di destra istigati nelle strade della Gerusalemme Orientale occupata è un dito nell’occhio per l’intero popolo palestinese, ha concluso.

 

Ig/rob

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE