lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Liberato il leader indigeno detenuto durante le proteste in Ecuador

Quito, 15 giu (Prensa Latina) Il leader indigeno dell'Ecuador, Leonidas Iza, è stato rilasciato oggi in libertà vigilata dopo 24 ore di detenzione tra le proteste nazionali contro le misure economiche del governo e l'insicurezza dei cittadini.

 

La misura sostitutiva del carcere provvisorio è stata pronunciata da una giudice della città di Latacunga, provincia del Cotopaxi, che ha affermato che l’arresto era legittimo, ma ha accolto la richiesta di scarcerazione in cambio di una periodica presentazione alle autorità competenti.

 

Contro Iza, presidente della Confederazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador (Conaie), un’organizzazione che chiedeva una mobilitazione nazionale a tempo indeterminato, sono state presentate le accuse di creare una paralisi dei servizi pubblici.

 

Nelle sue prime dichiarazioni dopo aver lasciato il carcere, il leader indigeno ha detto: “Qui nessuno ha manifestato per sfidare la legge. Siamo usciti solo perché la fame e l’ingiustizia hanno preso il sopravvento su ciascuna delle nostre case. La legge ha sfidato la fame. È per questo che siamo scesi in piazza”.

 

Davanti a centinaia di simpatizzanti, Iza ha avvertito che mentre i poveri sono detenuti per aver combattuto contro l’alto costo della vita, le persone con redditi più alti o denaro e beni nei paradisi fiscali godono di garanzie e sono protette dalla legge e dalla giustizia ecuadoriane.

 

Allo stesso modo, ha denunciato al mondo che il suo arresto è stato un atto di persecuzione politica da parte del governo, perché secondo la sua sentenza, non c’è mai stato un crimine flagrante come vogliono far sembrare e la detenzione era illegale.

 

Nel suo discorso, il leader dei popoli e delle nazionalità ha chiesto di non abbassare il morale di fronte ai tentativi di neutralizzare i leader e fermare la lotta dei settori sociali.

 

Allo stesso modo, ha esortato il governo nazionale a non minimizzare le persone, poiché ci sono milioni di ecuadoriani che vivono in povertà e ha ordinato di risolvere i problemi più critici di questo settore demografico.

 

“Continuiamo a combattere e speriamo che anche i diritti che sono stati violati oggi vengano ascoltati”, ha concluso.

 

Ig/scm

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE