martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Denunciano l’aumento della colonizzazione israeliana a Gerusalemme

Ramallah, 27 giu (Prensa Latina) I cittadini arabi di Gerusalemme hanno vissuto uno dei loro periodi più difficili negli ultimi 12 mesi a causa dell'aumento della colonizzazione israeliana, delle espulsioni e delle demolizioni di case, denuncia oggi una fonte ufficiale palestinese. 

L’anno del governo del primo ministro israeliano Naftali Benett ha visto una notevole escalation nelle operazioni di insediamento come parte dei piani per “ebraizzare” e cambiare i dati demografici della città, ha affermato il ministro degli Affari di Gerusalemme Fadi al-Hadmi.

 

Citato dall’agenzia di stampa ufficiale Wafa, l’alto funzionario ha anche criticato l’aumento dei raid e delle violazioni contro i siti religiosi islamici e cristiani della città.

 

“Non è passato un solo giorno dalla formazione di questo governo un anno fa senza violazioni” nella metropoli, ha sottolineato.

 

A questo proposito, ha sottolineato che le autorità di Tel Aviv hanno ignorato decine di condanne internazionali in questo periodo e, al contrario, hanno intensificato l’espulsione dei residenti palestinesi e l’espansione degli insediamenti.

 

A titolo di esempio, ha citato diversi progetti, tra cui la cosiddetta autostrada americana per collegare gli insediamenti nel sud e nell’est della città a spese della terra palestinese e la costruzione di 3.300 case nel cosiddetto Corridoio E1.

 

Ig/rob

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE