domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Soldati israeliani hanno picchiato a morte un palestinese in Cisgiordania

Ramallah, 5 lug (Prensa Latina) Un palestinese è morto oggi a causa dei colpi inferti dai soldati israeliani vicino alla città di Tulkarem, nel nord della Cisgiordania occupata.

L’agenzia di stampa ufficiale Wafa ha dichiarato che Ahmed Harb Ayyad, 32 anni, ha perso la vita “a causa del brutale pestaggio” a cui è stato sottoposto dagli uomini in uniforme dopo il suo tentativo di attraversare la barriera di sicurezza ed entrare in Israele.

Sistematicamente, le forze israeliane uccidono o feriscono i palestinesi che cercano di attraversare il controverso muro per cercare lavoro in questo paese di fronte alla difficile situazione economica in Cisgiordania.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani nei Territori Occupati, l’esercito di Tel Aviv ha ucciso 60 palestinesi nella prima metà del 2022 in Cisgiordania, inclusi 14 minorenni, con un aumento del 46% rispetto al 2021. 

“Molti dei casi monitorati hanno indicato che le truppe israeliane hanno usato la forza letale in un modo che appare totalmente incoerente con il diritto internazionale dei diritti umani”, ha avvertito l’entità in una dichiarazione.

Ad esempio, ha citato la morte di un ragazzo di 16 anni il 10 maggio per aver lanciato pietre contro i militari.

L’ufficio ha documentato incidenti in cui i soldati hanno attaccato la parte superiore del corpo di individui con proiettili veri in situazioni in cui non rappresentavano più nessuna minaccia ed, in diversi casi, sono fuggiti dall’area.

L’uso della forza letale da parte di Israele è diventata una pratica diffusa nei territori occupati, spesso usata come prima risorsa piuttosto che come ultima risorsa, ha denunciato.

Ig/rob

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE