sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela: aumenta a 15 il numero dei detenuti per l’omicidio di Carlos Lanz

Caracas, 11 lug (Prensa Latina) Un totale di 15 persone sono state arrestate per la loro partecipazione al rapimento e all'omicidio del professore e militante rivoluzionario Carlos Lanz nell'agosto del 2020, ha riferito oggi il procuratore generale venezuelano Tarek William Saab.

In dichiarazioni alla stampa dalla sede del Pubblico Ministero, il procuratore ha indicato la moglie della vittima, Maxyorisol Cumare, e il cittadino Glenn Castellanos come i principali coautori intellettuali del delitto, insieme ad altre 11 persone accusate di omicidio su commissione, associazione, corruzione, simulazione di un atto punibile e occultamento.

“Gli altri due detenuti verranno presentati nelle prossime ore e, per il momento, riservo i loro nomi; stiamo cercando tutti i complici per chiudere questo ciclo di indagine, gli sforzi sono concentrati nello stato di Aragua”, ha spiegato Saab.

Il procuratore generale ha precisato che l’udienza di denuncia si è tenuta il giorno prima davanti alla Quarta Corte dei crimini legati al terrorismo e alle bande criminali, durante la quale Cumare ha affermato di aver ingaggiato Glenn Castellanos per commettere l’azione penale.

Secondo le indagini, Maxiorisol Cumare avrebbe pagato la somma di ottomila dollari a Glen Castellano, con il quale aveva una relazione extraconiugale, per ingaggiare gli assassini incaricati di uccidere Lanz e far sparire il corpo.

Riconosciuto negli ambienti politici e intellettuali come un appassionato studioso del tema delle operazioni di guerra psicologiche e non convenzionali, Carlos Lanz ha anche contribuito alla configurazione delle basi teoriche del Partito Socialista Unito del Venezuela.

Ig/wup

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE