domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Fuera Bolsonaro campagna per riprendere le proteste in Brasile

Brasilia, 22 lug (Prensa Latina) I movimenti sociali aderenti alla campagna Fuera Bolsonaro discuteranno oggi delle nuove minacce del leader di estrema destra Jair Bolsonaro, che in un incontro con gli ambasciatori ha attaccato le urne elettroniche e il sistema elettorale in Brasile.

 

Al Palazzo Alvorada (residenza ufficiale a Brasilia), davanti a una quarantina di diplomatici stranieri, il 18 luglio l’ex militare ha ribadito sospetti infondati e già smentiti sui recettori elettronici e sul processo elettivo.

 

Ha basato la sua arringa su un’indagine aperta dalla Polizia federale nel 2018, con l’autorizzazione della Corte suprema, sull’invasione di un hacker nel sistema della Corte superiore di giustizia (TSE).

 

Tuttavia, il TSE ha ripetutamente riferito che questo accesso è stato bloccato e non interferisce con nessun risultato.

 

“Fondamentalmente quell’incontro (con gli ambasciatori) è stato emblematico di come il governo Bolsonaro ha incanalato questa prospettiva di un golpe di stato”, ha avvertito Rafael Rud, membro del Fronte del popolo senza paura e del Movimento dei lavoratori senza fissa dimora, citato dal portale Rede Brasil Atual.

 

Vari settori della società brasiliana hanno reagito agli attacchi promossi da Bolsonaro durante l’incontro con gli ambasciatori.

 

Più di 40 membri del Pubblico Ministero hanno chiesto un’indagine al procuratore generale Augusto Aras e anche i partiti di opposizione hanno presentato una denuncia al Tribunale Federale.

 

Il giorno prima, il presidente del TSE, Edson Fachin, aveva concesso a Bolsonaro cinque giorni per spiegare i suoi attacchi alla procedura di voto.

 

Fachin ha chiesto questi chiarimenti davanti a una causa del Partito Democratico del Lavoro, che accusa l’ex capitano dell’esercito di propaganda elettorale anticipata.

 

Ig/ocs

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE