lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Vicepresidentessa argentina denuncia il processo contro il peronismo

Buenos Aires, 23 ago (Prensa Latina) La vicepresidentessa argentina, Cristina Fernández, ha denunciato oggi l'ostruzione alla sua difesa e lo svolgimento di un processo contro il peronismo, i governi popolari e coloro che lottano per la memoria, la verità, la giustizia ed i diritti dei cittadini.

Ieri, durante l’ultima udienza d’accusa del Caso Viabilità, il pubblico ministero, Diego Luciani, ha chiesto per la vicepresidentessa la condanna a 12 anni di reclusione e la sua interdizione perpetua dalle cariche pubbliche per presunte irregolarità nell’affidamento di 51 opere pubbliche nella provincia di Santa Cruz dal 2003 al 2015.

 

Fernández ha denunciato la mancanza di prove a suo carico e le violazioni commesse nel processo, per le quali ha chiesto di ampliare la sua memoria investigativa, ma la Corte Orale Federale 2 ha respinto la sua richiesta.

 

Data questa decisione, l’ex capa di Stato ha deciso di presentare le sue argomentazioni in una diretta dal suo ufficio al Senato della Nazione.

 

Avrei voluto parlare davanti al tribunale, ma non è la prima volta che me lo impediscono. Da anni la sentenza è stata scritta perché esiste un sistema giudiziario che permette di violare tutte le regole, ha affermato.

 

L’ex presidentessa ha dettagliato il processo contro di lei ed ha ricordato che nel 2015 un tribunale di Santa Cruz ha archiviato il caso per inesistenza di corruzione od altro crimine.

 

Allo stesso modo, ha dimostrato i legami tra giudici, pubblici ministeri, uomini d’affari, funzionari e l’ex presidente Mauricio Macri (2015-2019).

 

Non solo mi perseguitano, ma anche voi (cittadini), vogliono cancellare i diritti dei lavoratori e dei pensionati, ha concluso.

 

Ig/gas

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE