martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Siria rifiuta le giustificazioni statunitensi per gli attacchi

Damasco, 30 ago (Prensa Latina) Siria oggi ha respinto le giustificazioni presentate dagli Stati Uniti per i recenti attacchi perpetrati nella provincia orientale di Deir Ezzor.

Questa posizione è stata espressa dal rappresentante come inviato permanente della Siria presso le Nazioni Unite, Bassam al-Sabbagh, durante una sessione del Consiglio di Sicurezza sulla situazione politica e umanitaria in questa nazione levantina.

Allo stesso modo, ha descritto le accuse degli Stati Uniti a questo riguardo come inganno legale ed un’insolenza politica.

Il fatto che il delegato degli Stati Uniti abbia invocato le disposizioni dell’articolo 51 della Carta e lo abbia definito “il diritto alla legittima difesa” rappresenta “una scusa che è molto peggio di un peccato”, ha affermato il diplomatico.

Ha spiegato che i soldati del Pentagono sono presenti illegalmente in territorio siriano e senza la richiesta o l’approvazione dello Stato.

La loro presenza rappresenta una chiara violazione della Carta delle Nazioni Unite, del diritto internazionale e delle pertinenti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza che sottolineano il rispetto per la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale della Siria, ha affermato.

D’altra parte, al-Sabbagh ha affermato che Siria sta compiendo grandi sforzi in termini di consolidamento della riconciliazione nazionale, fornendo condizioni di vita dignitose ai suoi cittadini, oltre a riabilitare infrastrutture e servizi di base e ricostruire ciò che è stato distrutto dal terrorismo.

Ig/fm

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE