sabato 20 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il governo palestinese denuncia l’aumento delle aggressioni israeliane

Ramallah, 21 ott (Prensa Latina) Il governo palestinese ha condannato oggi l'escalation delle aggressioni israeliane contro la popolazione nei territori occupati e ha accusato Tel Aviv di evitare qualsiasi dialogo che porti ad un nuovo processo di pace.

 

Al contrario, le autorità israeliane cercano soluzioni militari che servano ai loro interessi, ha denunciato in una nota il ministero degli Affari esteri e degli espatriati.

Il ministero degli Esteri ha descritto come un crimine efferato la morte ieri sera di Salah Briki, 19 anni, durante un nuovo assalto militare alla città di Jenin, situata nel nord della Cisgiordania occupata.Il governo della nazione vicina ha la piena e diretta responsabilità di questo crimine, che smaschera la falsità delle accuse dell’occupazione e le sue fuorvianti richieste di calma, ha affermato.

Il testo avverte che il vero obiettivo di Tel Aviv è aumentare la violenza per coprire i suoi progetti coloniali di “ebraizzazione” nel territorio palestinese.

Di fronte a questa situazione, ha esortato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a porre fine alla sua politica di doppi standard nell’affrontare i problemi internazionali e ad assumersi le proprie responsabilità legali e morali di fronte alle continue violazioni israeliane.

Secondo il ministero della Salute, dall’inizio di quest’anno almeno 175 palestinesi sono stati uccisi dalle violenze israeliane, 124 in Cisgiordania e 51 nella Striscia di Gaza, di cui 41 minorenni.

Ig/rob

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE