lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Siria chiede alle Nazioni Unite di depoliticizzare il lavoro umanitario

Damasco, 26 ott (Prensa Latina) Il miglioramento della situazione umanitaria in Siria richiede che i paesi occidentali smettano di politicizzare il lavoro umanitario o di ostacolare il suo cammino, ha affermato oggi il delegato siriano alle Nazioni Unite, Bassam Sabbagh.

 

È necessario sostenere progetti di ripresa precoce, revocare misure economiche coercitive, porre fine alla presenza straniera illegale e smettere di sostenere il terrorismo e le milizie separatiste e saccheggiare la ricchezza nazionale, ha affermato il diplomatico durante una sessione del Consiglio di Sicurezza dedicata a discutere la situazione in questa nazione levantina.

Sabbagh ha chiarito che tutte le risoluzioni delle Nazioni Unite relative a Siria hanno sottolineato il principio del rispetto della sua sovranità, unità e integrità territoriale. Ciò dovrebbe applicarsi a qualsiasi approccio alla situazione politica od umanitaria, ha aggiunto.

Il delegato siriano ha invece spiegato che il suo paese era uno dei più stabili e prosperi della regione, ed aveva raggiunto l’autosufficienza alimentare, ma la guerra imposta dal 2011 ha cambiato questa situazione e provocato una crisi umanitaria da non sottovalutare.

Ha denunciato che il blocco imposto dagli Stati Uniti e dai paesi occidentali esacerba la sofferenza umana del popolo siriano, motivo per cui la sua revoca immediata è molto urgente, ha concluso.


Ig/fm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE