venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Risarciranno leader Mapuche in Cile per torture e trattamenti disumani

Santiago del Cile, 7 nov (Prensa Latina) La Corte d'Appello di Santiago ha confermato oggi la sentenza che ordinava il risarcimento al leader mapuche cileno Héctor Llaitul per le torture ed i trattamenti inumani e degradanti durante la dittatura di Augusto Pinochet (1973-1990).

 

Llaitul fu arrestato il 28 aprile 1988, quando era studente universitario, e detenuto nella prigione di Quillota, dove rimase senza comunicazione per 10 giorni e subì crimini contro l’umanità dalla disciolta Central Nacional de Informaciones, la polizia segreta del regime. Per questo lo stato cileno deve risarcire il leader mapuche con 12 milioni di pesos (12.500 dollari).

Llaitul, attuale leader del Coordinatore di Arauco Malleco, è in custodia cautelare dal 25 agosto, accusato di vari crimini contro la sicurezza dello stato.

Secondo il Pubblico Ministero, il membro della comunità ha partecipato al furto di legname, all’usurpazione ed all’istigazione alla distruzione di strutture private, e tuttavia, per il suo avvocato, Rodrigo Román, Llaitul è perseguitato solo per le sue idee.

 

Ig/car

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE