martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Denunciano i danni ambientali in Palestina causati dall’occupazione israeliana

Sharm El Sheikh, Egitto, 10 nov (Prensa Latina) Come il resto del mondo, i territori palestinesi stanno soffrendo oggi gli effetti del cambiamento climatico, aggravato dall'occupazione israeliana, ha denunciato il primo ministro Mohammad Shtayyeh.

 

Gli insediamenti israeliani stanno distruggendo la natura, impoverendo le risorse, compresa l’acqua, e scaricando rifiuti solidi e pericolosi sulla terra palestinese, ha avvertito il capo del governo parlando alla 27° Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, celebrata in questa città egiziana.

Ha sottolineato che l’occupazione ha distrutto più di 2,5 milioni di alberi dal 1967, inclusi 800mila ulivi.

Shtayyeh ha avvertito che il Mar Morto, un lago salato che riceve le acque del fiume Giordano, sta per scomparire a causa del suo esaurimento dovuto all’uso incontrollato della nazione vicina.

Attraverso il suo sistema coloniale, Israele estrae risorse palestinesi per un valore di 41 miliardi di dollari all’anno, ha sottolineato.

Ha spiegato che gli israeliani consumano tre volte più acqua dei palestinesi e ha spiegato che questi ultimi devono affrontare un deficit di 135 milioni di metri cubi di liquidi ogni anno.

 

Ig/rob

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE