giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Denunciano in Cile che in Perù si sta configurando un regime dittatoriale

Santiago del Cile, 19 dic (Prensa Latina) La presidente del movimento Nuovo Perù, Veronika Mendoza, ha denunciato oggi che nel suo paese si sta configurando una sorta di dittatura civile-militare ed ha condannato la repressione che ha già provocato più di venti morti.

 

Perù vive il caos politico da quando il presidente Pedro Castillo è stato rimosso ed arrestato, e il nuovo governo, guidato da Dina Boluarte, ha mandato in piazza l’esercito e la polizia per reprimere i manifestanti che chiedono di tutto, dalla reintegrazione di Castillo alle elezioni anticipate, chiusura del Congresso e convocazione dell’Assemblea Costituente.

In un colloquio con Radio e Diario Universidad de Chile, l’ex parlamentare ha ritenuto che un anticipo delle elezioni sarebbe la prima risposta istituzionale alla crisi, ma né il Governo né il Congresso hanno la reale volontà di fare questo passo.

Ha ritenuto che un’altra risposta alle richieste della cittadinanza sarebbero le dimissioni del presidente designato e del consiglio di amministrazione del Congresso, un organo la cui legittimità rimane profondamente infranta, ha affermato.

Mendoza ha ricordato che il parlamento era già completamente delegittimato e Dina Boluarte ha rapidamente seppellito la sua legittimità con la logica militarista e repressiva che ha adottato.


Ig/car

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE