sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Proteste pacifiche con invito presidenziale alla calma in Perù

Lima, 4 gen (Prensa Latina) Le proteste antigovernative sono iniziate oggi in Perù pacificamente però in un clima di tensione, con alcuni posti di blocco e gli inviti alla calma della presidentessa de facto, Dina Boluarte.

 

Come da programma, la giornata ha avuto come protagonista principale la regione andina meridionale di Puno, dove all’alba è stata bloccata la strada che collega questo territorio con Bolivia, compresa l’autostrada Interoceanica, che collega la costa meridionale peruviana con Brasile.

A metà mattinata il primo ministro, Alberto Otárola, ha dichiarato che il traffico sulle strade di Puno ha cominciato a normalizzarsi, mentre il capo dei Trasporti, Paola Lazarte, ha precisato che in questa regione ci sono tre blocchi sulla rotta verso Bolivia.

Parlando a un centro di monitoraggio aperto per centralizzare le informazioni sulla crisi, Lazarte ha assicurato che c’è solo un altro punto di blocco nella regione di Cusco, vicino a Puno.

Ci sono state interruzioni parziali delle attività e delle marce nelle regioni meridionali di Puno, Cusco e Arequipa, secondo quanto riferito da questi luoghi, così come nelle province di Andahuaylas e Abancay, nella regione andina meridionale di Apurímac.

A Cusco, la società concessionaria delle ferrovie meridionali del paese ha sospeso le operazioni per due giorni, interrompendo l’accesso principale al cosiddetto santuario Inca di Machu Picchu, principale attrazione turistica del paese.

È stato annunciato un corteo per questo pomeriggio ad Ayacucho, dove sono morti 10 dei 26 assassinati nelle operazioni di polizia, durante le proteste dello scorso dicembre.


Ig/mrs

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE