mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Gruppi in Spagna denunciano manovra contro diplomatico venezuelano

Madrid, 30 gen (Prensa Latina) Le organizzazioni del Movimento di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana hanno denunciato il duplice sequestro subito dal diplomatico venezuelano Alex Saab.

 

In un comunicato stampa, firmato da più di trenta organizzazioni in Spagna, hanno indicato che Saab è stato detenuto a Capo Verde e anche deportato illegalmente negli Stati Uniti, “seguendo le istruzioni del governo degli Usa”.

Secondo la nota, il diplomatico era responsabile dell’approvvigionamento internazionale per i CLAP (Comitati Locali di Rifornimento e Produzione), organizzazioni popolari create attraverso richiesta del presidente venezuelano Nicolás Maduro, per ridurre al minimo le devastazioni della penuria che il blocco degli Stati Uniti esercita contro il popolo venezuelano.

“L’enorme ed efficace compito che stava svolgendo il diplomatico rapito ha aiutato questi comitati a rafforzare la distribuzione dei prodotti di base, riducendo gli effetti dell’aggressione criminale contro la Repubblica Bolivariana”, ha sottolineato la fonte.

Nell’offrire maggiori dettagli sul caso, il Movimento di solidarietà spagnolo ha indicato che gli stessi CLAP ed il diplomatico venezuelano sono diventati il mirino di Washington.

Ha dichiarato che “hanno deciso di rapire due volte Alex Saab; prima quando il suo aereo ha fatto scalo a Capo Verde e poi attraverso una deportazione assolutamente illegale negli Usa, contro la quale si è espressa quasi tutta la comunità internazionale africana”.

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE