martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Israele condanna il progetto di interrompere le cure mediche per i prigionieri palestinesi

Ramallah, 24 feb (Prensa Latina) La Società dei Prigionieri Palestinesi (SPP) ha denunciato oggi un progetto per privare migliaia di connazionali detenuti nelle carceri israeliane delle cure mediche.

 

Il presidente della SSP, Qadura Fares, ha criticato la decisione del Parlamento israeliano di approvare in prima lettura un’iniziativa che elimina i fondi per questo servizio, osservando che questa norma legalizzerà la lenta uccisione dei palestinesi.

Per decenni, le autorità di occupazione hanno intrapreso varie azioni per uccidere i detenuti palestinesi, ha detto Fares in una dichiarazione.

L’attuale situazione nelle carceri israeliane non può più essere descritta come negligenza medica, a causa del numero di pazienti senza cure adeguate, ha sottolineato.

“Sebbene le leggi internazionali garantiscano il diritto alle cure mediche per i prigionieri, le autorità di occupazione ignorano queste norme”, ha avvertito.

All’inizio di questo mese un detenuto palestinese, identificato come Ahmed Badr Abdullah Abu Ali, 48 anni, è morto a causa di anni di assistenza sanitaria inadeguata fornita dalle autorità israeliane.

Dall’occupazione della Striscia di Gaza e della Cisgiordania nel 1967, almeno 235 palestinesi sono morti nelle carceri israeliane, 74 dei quali per negligenza medica, secondo i dati ufficiali.

 

Ig/rob

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE