lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba rifiuta la manipolazione mediatica della questione migratoria

Quito, 2 mar (Prensa Latina) Il direttore generale degli Affari Consolari e dell'Attenzione ai Cubani Residenti all'Estero del Ministero delle Relazioni Internazionali della nazione caraibica, Ernesto Soberón, ha respinto la manipolazione mediatica che esiste oggi sulla questione migratoria dell'isola.

 

“Il mondo ha attraversato una crisi globale a causa della pandemia, questo ha avuto un impatto socioeconomico a livello internazionale ed ovviamente a Cuba queste conseguenze sono aumentate dagli effetti del bloqueo degli Stati Uniti, intensificato negli ultimi anni”, ha affermato il ministro.

In un’intervista a Prensa Latina in questa capitale, dove guiderà il decimo round di colloqui sull’immigrazione tra i due paesi, Soberón ha sottolineato che la complessa situazione economica della nazione antillana, esacerbata dall’assedio, influenza direttamente la decisione dei cubani di partire dalla loro terra natale.

A questo, ha aggiunto, si aggiunge l’incentivo al flusso migratorio irregolare con benefici che il resto dei migranti negli Stati Uniti non hanno, come la Legge di Aggiustamento Cubano.

Tutti questi fattori, secondo il diplomatico, creano condizioni favorevoli all’emigrazione, poiché da un lato ostacolano lo sviluppo del paese ed il tenore di vita della popolazione, dall’altro concedono privilegi ai migranti.

Tuttavia, c’è una manipolazione della questione da parte dei media, che cercano di incolpare il governo cubano di non aver soddisfatto le aspettative della popolazione, ha sottolineato.

In questo senso ha fatto riferimento a come usano il falso pretesto che Cuba è uno “Stato fallito” quando in realtà, in tutto il mondo, i migranti si spostano dai paesi meno sviluppati verso i paesi più avanzati.


Ig/avr

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE