mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Assalto al Palazzo Presidenziale di Cuba nel 1957: dovere patriottico

Assaltare il Palazzo Presidenziale di Cuba, quel 13 marzo 1957, era un dovere verso la Patria, ha affermato oggi il sopravvissuto all'azione Manuel Gómez Sartorio, nel 66° anniversario dell'accaduto.

 

“Da quando Fulgencio Batista ha effettuato il golpe di stato nel 1952, i membri del Direttorio Rivoluzionario e di altre organizzazioni studentesche hanno sentito il bisogno di sviluppare azioni con l’obiettivo di rovesciarlo”, ha detto il combattente a Prensa Latina.

Il piano ideato per il 13 marzo 1957 aveva lo scopo di giustiziarlo per i crimini commessi ed era anche un modo per sostenere la lotta armata che si stava svolgendo nelle montagne orientali del paese, guidata dal leader della Rivoluzione, Fidel Castro.

Riferendosi alla preparazione prima dell’assalto, Gómez Sartorio ha raccontato: “Eravamo circa 50 uomini, prima del 13 eravamo acquartierati in due appartamenti in un edificio nel quartiere Vedado della capitale, lì sono stati definiti i dettagli dell’azione”.

Ha commentato che il viaggio al Palazzo è stato effettuato in un camion contrassegnato da un cartello che diceva Fast Delivery sul lato. “Quando siamo arrivati, il camion si è fermato sul lato dell’edificio ed è allora che le cose si sono complicate, perché c’era un autobus della linea 14 che circolava nell’area dove dovevamo parcheggiare”, ha ricordato.

“Dovevamo uscire dal camion in quelle condizioni e iniziare lo scontro con le forze di Batista. Con me c’era Mario Casañas, che conoscevo da quando era molto giovane. Dopo essere entrato nell’edificio ed aver affrontato il nemico, Mario viene ferito da un’esplosione, ed io gli ho impedito che cadesse a terra. È morto tra le mie braccia”, ha ricordato.

Successivamente, gli assalitori iniziarono a ritirarsi e, secondo quanto gli racconterà anni dopo Faure Chomón, uno dei protagonisti dell’azione, Gómez Sartorio fu uno degli ultimi a lasciare l’edificio. “Quelli di noi che sono stati lasciati fuori si sono nascosti dietro ciò che potevano”, ha continuato.

Fu per questo motivo che il rivoluzionario era dietro un autobus quando iniziò a muoversi, di cui approfittò e si aggrappò ad un finestrino per allontanarsi dal luogo in modo che i soldati non lo scoprissero. A pochi isolati dal Palazzo, lasciò andare il finestrino e si diresse verso l’Hotel Parkview per nascondersi.

“Quando sono saltato giù dall’autobus, ho perso i bottoni della mia camicia, che era intrisa del sangue del mio compagno Casañas. Ho dovuto togliermela per non destare sospetti. Mi sono nascosto in albergo per ore”, ha detto il combattente, che a 92 anni ricorda molto bene gli eventi.

Si è rifugiato dietro un motore dell’aria condizionata a 30 centimetri dal controsoffitto della hall dell’albergo, da lì poteva sentire i movimenti delle guardie che perlustravano la struttura alla ricerca degli aggressori.

Nelle prime ore del mattino, Manuel Gómez Sartorio ha deciso di uscire allo scoperto per evitare di essere scoperto da un impiegato dell’albergo o da un civile. “In una stanza di servizio ho trovato un cambio di abiti da lavoro e li ho indossati. Ero pronto a scappare se una guardia mi avesse intercettato, ma non è stato necessario”, ha raccontato.

Dopo aver lasciato l’albergo, è riuscito a salire su un autobus e l’autista lo ha lasciato salire senza pagare. Scese nel quartiere Jesús María, dove suo padre aveva una falegnameria e lì si rifugiò in casa di alcuni conoscenti, spiegò.

“Mi sono nascosto e sono andato a Gibara, Holguín, con l’intenzione di sollevarmi in Oriente, ma mi hanno trattenuto nella caserma di Gibara per 72 ore. I miei parenti sono riusciti a tirarmi fuori e mi hanno portato a La Boca a Trinidad, Sancti Spíritus. Qualche tempo dopo mi unii alla guerriglia dell’Escambray fino al trionfo rivoluzionario del 1° gennaio 1959”, disse.

“Sono molto orgoglioso di aver partecipato a questa azione trascendentale nella storia cubana. Non mi sento un eroe, sono semplicemente un uomo che ha compiuto il suo dovere verso il paese in cui è nato”, ha concluso il combattente rivoluzionario decorato.

Il 13 marzo 1957 i rivoluzionari non riuscirono a raggiungere i loro obiettivi assaltando il Palazzo Presidenziale, poiché Fulgencio Batista riesce a fuggire dall’edificio. Molti giovani coraggiosi hanno perso la vita nell’azione.

Contemporaneamente, un altro gruppo guidato dal leader studentesco José Antonio Echeverría è riuscito ad occupare la stazione di Radio Reloj, da dove ha annunciato al popolo cubano i motivi dell’attacco; tuttavia, anche questa azione fallì ed Echeverría morì combattendo contro i soldati della tirannia mentre cercava di fuggire.

Karina Brown González, giornalista di Prensa Latina

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE