giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

L’ICJ ha ritenuto ammissibile l’eccezione del Venezuela, ma l’ha respinta

L'Aja, 6 apr (Prensa Latina) La Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) ha stabilito oggi all'unanimità che l'eccezione preliminare presentata dal Venezuela sulla controversia che ha con Guyana sul territorio di Essequibo è ammissibile, ma l'ha respinta a maggioranza.

 

Con una sentenza che ha considerato definitiva, inappellabile e vincolante per le parti, l’Alta Corte delle Nazioni Unite ha rigettato con una maggioranza di 14 contro uno l’eccezione preliminare presentata dalla Repubblica Bolivariana, secondo la sentenza letta dal giudice statunitense, Joan E. Donoghue, presidente dell’ICJ.

La sentenza ha inoltre stabilito, con lo stesso numero di voti, che questo organo può decidere nel merito della Repubblica cooperativa della Guyana, poiché rientrano nell’ambito di applicazione della sentenza del 18 dicembre 2020.

Allo stesso modo, in una votazione simile, ha stabilito di potersi pronunciare nel merito delle affermazioni della Guyana.

Lo scorso novembre, la vicepresidentessa esecutiva del Venezuela, Delcy Rodríguez, ha difeso davanti all’ICJ la proprietà storica del suo paese sull’Essequibo e ha chiesto che la rivendicazione della Guyana su questo territorio fosse dichiarata inammissibile.

Parlando davanti all’organo giudiziario delle Nazioni Unite, l’alta funzionaria ha sottolineato che la petizione della Guyana viola l’accordo di Ginevra per favorire le transnazionali energetiche internazionali.

Denunciamo che questa richiesta unilaterale non fa parte del lodo arbitrale del 1899, ha affermato, ed ha ratificato la proprietà storica del suo paese su Guayana Esequiba.

 

 

Ig/jcd

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE