sabato 20 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Denunciato il saccheggio da parte degli Stati Uniti di un nuovo lotto di petrolio siriano

Damasco, 11 apr (Prensa Latina) I residenti della cittadina di Yaroubieh nell'estremo nord-est della Siria hanno denunciato oggi che le forze Usa presenti illegalmente in questo paese arabo continuano a saccheggiare i giacimenti petroliferi.

 

Le fonti, citate dall’agenzia nazionale SANA, hanno indicato che una carovana di 77 veicoli, di cui 32 cisterne cariche di greggio, è partita dai giacimenti petroliferi nel nord-est della provincia di Hasakeh, ed è entrata in Iraq attraverso il confine illegale di Al-Walid.La colonna, come nelle precedenti occasioni, era presidiata da membri armati delle cosiddette Forze Democratiche Siriane (FDS), una formazione illegale finanziata e sponsorizzata da Washington.

Questo saccheggio avviene mentre il paese sta affrontando una catastrofe umanitaria causata dai recenti terremoti e nel bel mezzo di una carenza di derivati del petrolio dovuta all’occupazione statunitense di aree che contengono più del 90% dei giacimenti di idrocarburi.

Siria produceva prima della guerra, nel 2011, più di 380.000 barili di greggio al giorno, ma questa cifra è scesa a soli 80.000, di cui 66.000 saccheggiati dalle truppe statunitensi e dalle FDS.

Il ministero degli Esteri siriano ha recentemente rivelato che le perdite nel settore petrolifero ammontano a 105 miliardi di dollari, mentre 235 lavoratori del settore hanno perso la vita, 46 sono rimasti feriti e 112 risultano dispersi dopo essere stati rapiti.


Ig/fm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE