giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Crescono i disordini tra i militari israeliani per la riforma giudiziaria

Tel Aviv, 30 giu (Prensa Latina) Il governo israeliano cerca oggi di placare il crescente malcontento di ampi settori dell'establishment militare per una controversa riforma giudiziaria, che ha come epicentro l'Aeronautica Militare (IAF), e che ha provocato un terremoto politico nel paese.

Più di 100 riservisti IAF hanno annunciato questo mercoledì in una lettera che si rifiuteranno di prestare servizio se qualsiasi parte di questo progetto, fortemente messo in discussione nella società israeliana, sarà approvata.
A marzo il colonnello Gilad Peled è stato sospeso per aver partecipato a una protesta contro la riforma.
Poco dopo, 200 piloti della riserva hanno annunciato il loro rifiuto di presentarsi in servizio e un mese prima altri 37, appartenenti al 69° squadrone di caccia, uno dei più elitari dell’IAF, hanno fatto lo stesso.
Quel mese, una dozzina di ex comandanti dell’aeronautica hanno annunciato la loro opposizione alla proposta del governo, che limiterebbe la capacità della Corte Suprema di respingere le leggi, consentendo al Parlamento di rileggere i regolamenti impugnati da questo organo.
Il piano, inoltre, consentirebbe all’Esecutivo di estrema destra di controllare la nomina dei magistrati.
Gli ex capi dell’IAF hanno pubblicato una lettera aperta a Netanyahu e al ministro della Difesa Yoav Gallant per chiarire il loro rifiuto.
In mezzo a questo panorama, ieri il presidente Isaac Herzog ha avvertito che queste azioni minano la sicurezza del paese.
La telefonata di Herzog è arrivata durante una cerimonia di diploma di pilota presso la base di Hatzerim nel sud di Israele, dove molti partecipanti hanno voltato le spalle quando Netanyahu ha iniziato a parlare.
Dall’inizio di quest’anno, la riforma ha generato intense critiche pubbliche e una feroce opposizione nella nazione, dove le proteste di massa sono sistematiche tra gli avvertimenti di economisti, professionisti legali, accademici e funzionari della sicurezza.

Ig/rob

#esercito #Israele #riforma

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE