mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Siria critica la risoluzione ONU sulle persone scomparse

Damasco, 30 giu (Prensa Latina) Il governo siriano oggi ha bocciato la risoluzione approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sugli scomparsi, definendola politicizzata e interventista.

Questa posizione, riportata dai media, è stata espressa dal rappresentante permanente siriano presso le Nazioni Unite, Bassam Sabbagh, dopo l’adozione di una risoluzione intitolata “Entità indipendente sulle persone scomparse in Siria”.
È un’ulteriore prova della prosecuzione dell’approccio ostile di alcuni paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, che ha portato un piccolo gruppo di paesi scollegati dalla realtà in Siria a presentare la suddetta risoluzione, ha spiegato il diplomatico.
Ha sottolineato che il rapporto presentato dal Segretariato Generale sulle persone scomparse e le successive discussioni si basavano su un approccio selettivo che ha ignorato la necessità di consultare il governo nazionale e che fa parte di questa entità.
La vera intenzione dei paesi che patrocinano la risoluzione è quella di usarla come copertura per intromettersi negli affari interni della Siria e come strumento per esercitare maggiori pressioni, ha affermato il delegato.
D’altra parte, ha chiarito che il governo del suo paese ha formato squadre mediche specializzate per affrontare il problema delle fosse comuni e, in collaborazione con il Comitato Internazionale della Croce Rossa, ha formato medici legali siriani per svolgere il compito di esumare resti umani.
Rifiutiamo di trattare questo problema in modo selettivo e ricordiamo che migliaia di persone sono scomparse a causa di atti di aggressione militare da parte degli Stati Uniti, e altre migliaia hanno subito la stessa sorte dalle milizie sostenute da Washington, ha concluso il rappresentante.

Ig/fm

#scomparsi #usa #guerra #ONU #siria

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE