martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Caricom chiede agli Stati Uniti di cancellare le misure punitive contro Cuba e Venezuela

Roosevelt-Skerrit
I leader della Comunità dei Caraibi (Caricom) hanno chiesto agli Stati Uniti di eliminare le politiche punitive che mantengono contro Cuba e Venezuela, ed i cui effetti danneggiano anche i loro partner commerciali.

Secondo il presidente della Caricom e primo ministro della Dominica, Roosevelt Skerrit, i governanti della regione ritengono che dopo tanti anni di misure coercitive, Washington deve agire per revocarle. “Noi nei Caraibi, soprattutto quelli di noi che sono stati firmatari e beneficiari dell’accordo PetroCaribe, abbiamo sofferto immensamente a causa delle pressioni esercitate contro Venezuela”, ha rimarcato, riferendosi all’alleanza sugli idrocarburi tra alcuni paesi dell’area con la terra di Bolivar.
Ha anche sottolineato che i cittadini caraibici devono assumersi l’alto costo dei prodotti petroliferi nel mercato mondiale perché Caracas non può esportare i suoi prodotti nella regione a causa delle sanzioni statunitensi.
Ha affermato che l’incapacità del Venezuela di commerciare i suoi beni ha paralizzato l’accordo PetroCaribe con alcuni membri della Caricom.
Riteniamo che le sanzioni debbano essere revocate e che i popoli debbano poter continuare la propria vita, soprattutto in questi tempi difficili, ha sottolineato.
Ha assicurato che hanno ribadito la richiesta del gruppo regionale affinché gli Stati Uniti tolgano il bloqueo economico, finanziario e commerciale che mantengono contro Cuba da più di 60 anni.
L’appello è avvenuto durante la celebrazione del 45° Vertice dei Capi di Governo della Caricom, svoltosi a Puerto España, Trinidad e Tobago, e che ha ricordato il 50° anniversario della nascita dell’associazione.
L’organizzazione è composta da Antigua e Barbuda, Bahamas, Barbados, Belize, Dominica, Grenada, Guyana, Haiti, Giamaica, Monserrat, Santa Lucia, Saint Kitts e Nevis, Saint Vincent e Grenadine, Suriname e Trinidad e Tobago.
Inoltre, Anguilla, Bermuda, Isole Cayman, Isole Turks e Caicos e Isole Vergini britanniche sono membri associati.

Ibis Frade, giornalista di Prensa Latina

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE