martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Washington invia ancora più forze in Siria

militares-estadounidenses
Damasco, 17 lug (Prensa Latina) Fonti attendibili citate oggi da vari media riferiscono che gli Stati Uniti hanno inviato 2.500 soldati nelle proprie basi illegali situate nel nord dell'Iraq e nel nord-est di questa nazione del Levante.

Secondo fonti citate anche dal quotidiano Al-Watan, questi militari parteciperanno all’Operazione Inherent Firmness della cosiddetta “Coalizione Internazionale” guidata da Washington, con il pretesto di combattere l’organizzazione terroristica dell’Isis.
Le nuove forze saranno dispiegate principalmente nelle basi statunitensi nel nord-est della Siria e nella base di Tanef situata nella provincia orientale di Homs, vicino al confine tra Siria e Iraq.
Parallelamente, le truppe del Pentagono hanno mobilitato le loro milizie mercenarie locali, in particolare le cosiddette Forze Democratiche Siriane (FDS) e ne hanno dispiegate un gran numero sulle linee di contatto con l’esercito siriano nella provincia di Deir Ezzor.
Washington ha almeno una dozzina di basi in Siria, principalmente nei giacimenti di petrolio e gas nella regione nord-orientale di Al-Jazzira, principalmente ad Hasakeh, pur mantenendone una nell’area di Tanef al confine iracheno, per impedire qualsiasi comunicazione terrestre tra questi due paesi.

Ig/fm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE