martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il rappresentante dell’UE condanna l’occupazione israeliana della Palestina

Sven-Koopmans
Tel Aviv, 21 lug (Prensa Latina) Il rappresentante speciale dell'Unione Europea (UE) per il processo di pace in Medio Oriente, Sven Koopmans, ha condannato oggi l'occupazione israeliana della Cisgiordania e di Gerusalemme Orientale, criticando però diverse politiche di questa nazione.

“A volte sento che la gente nega che ci sia un’occupazione. È un’invasione. Tutti la vedono così. Il fatto che continui è molto problematico”, ha detto in un’intervista al Jerusalem Post.
Il funzionario ha avvertito che le demolizioni da parte di questo paese di strutture palestinesi in Cisgiordania sono inaccettabili ed alimentano tensioni con l’UE.
Le demolizioni sono un “fattore molto negativo e vi dico che è una cosa molto difficile da spiegare agli europei”, soprattutto per queste opere che l’UE ha finanziato”, ha sottolineato.
Solo nel 2022 Israele ha demolito 101 strutture pagate dal cosiddetto vecchio continente, il che ha comportato una perdita di 337.000 euro.
Siamo molto turbati perché molto spesso i progetti umanitari che paghiamo vengono demoliti, ha sottolineato.
Per noi è incomprensibile che Israele neghi ai palestinesi di costruire nell’Area C, ha detto.
L’Area C costituisce il 61% della Cisgiordania ed è sotto il pieno controllo dell’esercito della nazione vicina. Ci sono più di cento insediamenti in cui vive mezzo milione di coloni ebrei.
Koopmans ha affermato che Israele ha una responsabilità come potenza occupante nei confronti della popolazione palestinese.

Ig/rob

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE