venerdì 17 Maggio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Festival Olorum a Cuba lancia la compagnia Oyú Oro

Tra i principali eventi che si svolgono oggi a Cuba per onorare le più profonde tradizioni ed essenze afro-caraibiche c'è il Festival Olorum, che ha recentemente chiuso i battenti a Camagüey.

È arrivata nell’ex Villa del Puerto del Príncipe proveniente da Santiago de Cuba la Compagnia di Danza Sperimentale Oyú Oro, il cui lavoro è firmato dalla sua direttrice e fondatrice, Danys Pérez Prado (La Mora), con sede a New York ma originaria della provincia orientale della maggiore delle Antille.

In esclusiva per Prensa Latina, ha fatto una rivisitazione del gruppo, nato nel 1998, che inizialmente aveva il sostegno del Consejo de las Artes Escénicas di Santiago.

“Oyú Oro è emerso come uno spazio di cui gli artisti avevano bisogno per creare, costruire e decostruire. Un laboratorio che lavora dal tradizionale al contemporaneo. Necessità di far sentire la propria voce come coreografo e insegnante, tutto un compendio delle idee che abbiamo avuto come artisti.

“Anche se è nata nel 1998, abbiamo lavorato con generazioni diverse, sono rimasti solo due fondatori. Il gruppo si è evoluto. Oggi abbiamo ottimi artisti di Santiago”, ha aggiunto.

Da dove deriva il nome?

“Oyú Oro nel nome Yoruba significa come lattuga o fiore acquatico, anche corona di Yemayá. “L’acqua è l’elemento di tutto, è il nostro elemento.”
Come sono andate le cose negli ultimi anni?

“Sin dall’inizio eravamo artisti che volevano fare cose nuove. Quindi a quel tempo la le Arti Sceniche ci approvarono come progetto indipendente. Lo abbiamo fatto gratuitamente e spontaneamente, siamo stati in tournée con il sostegno del Consejo de las Artes Escénicas di Santiago”, ha detto l’artista.

“Questa nuova generazione che emerge dopo un’opera intitolata “Siete Mares” mi ha toccato il cuore. E abbiamo capito che eravamo più che una compagnia, eravamo una famiglia. Siamo concentrati sulla voglia di lavorare. Tuttavia, non siamo ancora su una piattaforma ufficiale.

“Forse continueremo questo percorso come gruppo autofinanziato”, ha detto l’intervistata.

“Il mio interesse è toccare la diaspora in modo ampio, perché fornisce informazioni alle comunità nazionali e straniere.

“È così che mi piace alzare la voce”. “Tutto partendo da una base afrocubana”, sintetizza La Mora.

Quanto è importante l’Olorum, nei momenti di transculturazione e nei processi culturali legati all’identità delle persone?

“Abbiamo fatto un mix di elementi tradizionali cubani con l’afro e abbiamo incluso una lingua dell’Africa occidentale che non ha toccato il suolo cubano, ma fa parte dell’Africa, ed è lì che ha sede il nostro laboratorio, che sono anche parte della diaspora, anche se non è riconosciuta nella nostra identità”, ha concluso.

Dopo la partecipazione al Festival Olorum, la Compagnia di Danza Sperimentale di Santiago partirà per la sua sede orientale per preparare un’opera prima, ma la stessa Pérez Prado non ha voluto rivelare i dettagli, anche se senza dubbio cercherà di approfondire le radici della nostra identità, come un eterno cenno alla madre culturale africana.

Fidel Alejandro Manzanares, giornalista di Prensa Latina

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE